MUSICA È (EROS RAMAZZOTTI)


Musica è guardare più lontano e perdersi in se stessi
la luce che rinasce e coglierne i riflessi
su pianure azzurre si aprono, su più su i miei pensieri spaziano
ed io mi accorgo che che tutto intorno a me, a me
Musica è la danza regolare di tutti i tuoi respiri su di me
la festa dei tuoi occhi appena mi sorridi
tu e il suono delle labbra tue, tu sempre di più
quell´armonia raggiunta in due, ti ascolterò perché
sei musica per me, per me
Musica è, musica è, musica è, musica è
Musica è, musica è, musica è, musica è
Io sento ancora le voci della strada dove son nato
mia madre quante volte mi avrà chiamato ma era più forte il grido di libertà
E sotto il sole che fulmina i cortili le corse polverose dei bambini
che di giocare non la smettono più
Io sento ancora cantare in dialetto
le ninne-nanne di pioggia sul tetto

tutto questo per me, questo dolce arpreggiare è musica da ricordare,
è dentro di me, fa parte di me,
cammina con me

È musica è l´amico che ti parla quando ti senti solo
sai che una mano puoi
trovarla
è musica è da conservare, da salvare insieme a te.
Senti più siamo in tanti e più in alto sale un coro in lingua universale,
dice che, dice che anche del cielo han bucato la pelle lo senti è l´urlo delle
stelle.
Forse cambierà nella testa della gente la mentalità di chi ascolta ma non
sente
prima che il silenzio scenda su ogni cosa quel silenzio grande dopo l´aria
esplosa.
Perché un mondo senza musica non si può neanche immaginare
Perché ogni cuore anche il più piccolo è un battito di vita e d´amore
che musica è, musica è, musica è

–**–


música es
mirar hacia lo lejos, dentro de ti mismo,
la luz es un reflejo, al fondo del abismo.
es la inmensidad del cielo azul,
es, tal vez mi pensamiento, mi inquietud.
sin darme cuenta sé
que todo en torno a mi, a mi
música es
la danza regular de tu pecho respirando junto a mi,
la fiesta de tus ojos siempre que me miras,
tú, y tu alegria cuando ries,
tú, tan solo tú, y la armonia con que te mueves
te escucharé por ser
tan sólo para mi, por mi
música es, música es,
música es, música es,
música es
música es, música es,
música es, música es
escucho ahora
el ruido de la calle donde he nacido,
mi madre cuántas veces me ha convencido,
pero es más fuerte el grito de mi libertad
y bajo el cielo
el sol haciendo un guiño
hará que se acaloren esos niños
que no se cansan de jugar al balón
y siento ahora cantar en dialecto,
y luego escucho la lluvia y el viento.
es volver al ayer
es la magia que siento
música, de dónde sales
de dentro de mi
es parte de mi
la siento en mi
es
música es,
la ayuda que te falta
cuando me siento solo
es una amiga que me acompaña
es
música es,
para crearla, y guardarla para ti
oyela,
es el idioma que todos sienten
somos un coro de gigantes
sabes que, sabes que
aunque del cielo borraran su huella
yo sigo
el rumbo de su estrella
puede hacer cambiar
las ideas de la gente
la mentalidad
del que escucha y que no siente
antes que esta tierra
sea una gran fosa
y antes que la nada
sea su gran diosa
porque un mundo sin la música
no puede nunca imaginarse,
porque en cada ser, en cada corazón
hay un latido de vida y de amor,
que música es,
música es
música es

Musica è (Eros Ramazzotti)

Anúncios

Sobre nunaina

seguendo davanti sempre
Esse post foi publicado em Sem categoria e marcado . Guardar link permanente.

Deixe um comentário

Preencha os seus dados abaixo ou clique em um ícone para log in:

Logotipo do WordPress.com

Você está comentando utilizando sua conta WordPress.com. Sair / Alterar )

Imagem do Twitter

Você está comentando utilizando sua conta Twitter. Sair / Alterar )

Foto do Facebook

Você está comentando utilizando sua conta Facebook. Sair / Alterar )

Foto do Google+

Você está comentando utilizando sua conta Google+. Sair / Alterar )

Conectando a %s